“Milano 25” il magico taxi di Caterina Bellandi

Milano 25 è il nome del taxi guidato da Caterina Bellandi.
La fatina buona dai capelli biondi e un sorriso indimenticabile che ogni giorno, tagliando Firenze in lungo e in largo, trasporta bambini malati presso l’Ospedale Pediatrico Meyer.

Ma come ha avuto inizio questa meravigliosa storia?

È l’estate del 2001 quando Caterina perde suo marito Stefano, taxista di professione, a causa di un tumore ai polmoni. “Tu sarai Milano 25″,
la sigla del suo taxi,una semplice occasione d’incontro e una risposta d’amore a tanta sofferenza e dolore“. Fu questo l’ultimo desiderio di Stefano.

Caterina diventa tassista, ma saranno gli occhi di una bambina salita sul suo taxi, triste per aver perso il suo fratellino a trasformarla in zia Caterina, una donna speciale che indossa un grande cappello fiorito, vesti colorati e allegri, lei è la sorridente amica di tutti i bambini. Soprattutto di quelli malati, quelli che devono andare a curarsi in ospedale, al Meyer.

Milano 25 è diventato un taxi incantato che fra colori, pupazzi, fiori e giocattoli; trasmette gioia e serenità e riesce a far dimenticare, anche se per poco, le sofferenze e i dolori della malattia. Per tutti i bimbi malati e per i loro genitori le corse sono gratuite, sempre. E la cosa non finisce qui: zia Caterina resta accanto a loro, li va a trovare, allieta i suoi piccoli amici, ne condivide i momenti brutti e a volte purtroppo gli ultimi. Con loro vive fantastiche avventure. Già, perché a zia Caterina i bimbi raccontano i loro sogni, e lei fa di tutto per renderli reali.

Così col suo taxi tocca Euro-Disney, Londra, l’Albania o la Sicilia, per riportare a casa un bambino o soddisfare il desiderio di un altro.

Un giorno poi viaggia fino a Mosca, seimila chilometri per incontrare Patch Adams, il medico inventore della clown-terapia e l’ispiratore dell’omonimo film interpretato da Robin Williams: insomma un angelo colorato e una persona speciale proprio come lei.

La cosa che colpisce di più è che Caterina, anche davanti ai bambini che hanno perso la loro battaglia contro la malattia, non si arrende. Guarda avanti, con quel suo sorriso speciale. Perché altri bambini possano realizzare i loro sogni, e perché i loro genitori non perdano la speranza, anche nei momenti più difficili.

Vederla passare per le vie di Firenze è un’emozione incredibile che ti fa pensare che in questo mondo esistono persone speciali che hanno un cuore grande proprio come quello di Caterina Bellandi.

photocredits: http://www.culturaitalia.it/

7 Comments »

  1. grazie Abla ..hai scritto cose davvero carine …ma ci siamo mai incontrate ??? se no ci terrei moltissimissimooooooooooooooo..parola di zia

    "Mi piace"

  2. Non deve ringraziarmi…sono io che devo ringraziare lei. Purtroppo non ci siamo mai incontrate, l’ho solo vista passare per le vie di Firenze col suo magico Taxi…Anche a me piacerebbe moltissimo incotrarla e sono convinta che succederà presto…
    Le mando un abbraccione immenso zia Caterina.

    "Mi piace"

  3. Ciao Caterina sie una stella che illumina le strade di Firenze anke in giornate tristi regali bonta’ altruismo in questo mondo oramai arrido di indifferenza e cattiverie. . . io che nella mia vita o provato tanta sofferenze dolori perdite e che ogni giorno spera in un miracolo ma che in confrotto ai piccoli angeli “malati” che te accompagni nel loro cammino infelice regali un sorriso mi guardo intorno e in confrotto che le mie pene sono niente!!! Un caro saluto Marcy Irenze

    "Mi piace"

  4. grande caterina sei favolosa ti ho visto in ottobre all unita spinale dove era ricoverata mia moglie per aver subito un intervento tumore celebrale con lesione midollare hai portato un poco di allegria dopo sei mesi di tristezz grazia!!!!! il marito della paziente dal monte amiata claudio

    "Mi piace"

  5. Ma senti io ho questo sospetto che io al mayer sono stata operata diernia inguinale. È vedere il taxsi che ame mi fa tanto piangere a guardarlo perche vedere tutte quellle persone che stanno male o per morire,o con tumori o con L’AFLEBO e roba da in cubo ma se tidico che in ospedale ci sono tanti bambini con le mamme che si disperano perchÉ I BAMBINI STANNNO MALE O PER MORIRE O PER ANDARE A CASA I DOTTORI ANNO UN GRAND DA FARE MA SI SPERA CHE GUARISCANO ÉLI RIMANDINO A CASA POI I BAMBINI SONo chiusi nelle stanze quellli che sono infildivita o anche i tumori. Va bene io ora vado ti facccio un forte abbraccio è un baccione anche a quellli che passano mesi in ospedale.con tanto affetto e tanta ricchezza è dolcezza margherita iacopozzi per caterina belandi la taxsista. Ciaooo !!!!!!??????

    "Mi piace"

Dimmi la tua

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.